Profumatori ambiente fai da te, realizzateli con i fiori



La casa fresca e profumata piace davvero a tutte. L’odore che ci accoglie al nostro ingresso dona un senso di pace e di beatitudine ma in special modo ci fa sentire a casa.

Ultimamente sono di gran moda i brucia essenze o le candele profumate. Se le prime possono essere una spesa che si potrebbe rivelare ingannevole, perché spesso non mandano odore, le essenze anche se costano parecchio danno profumazioni uniche e decisamente più soddisfazioni.

Una cosa positiva dei bruciatori di profumo è che si possono scaldare nel piatto anche altri materiali come per esempio i fiori secchi.

A seconda della stagione quindi, potrete propendere verso un’essenza piuttosto che un altra.

Ma come fare per ottenere un profumo naturale senza dar fuoco alla casa?

Dunque: considerate anzitutto la forma del vostro bruciatore: piattino, supporto ad esso e buco per inserire la candela.

Tagliando quindi le parti del fiore profumate, e immergendole in acqua (è indispensabile) si otterrà il composto da mettere sul piatto e accendendo poi la fiamma in pochi minuti la casa prenderà una fragranza fresca naturale e meravigliosa.

In questo modo non rinuncerete alla magia del fuoco e nemmeno all’essenza di profumo naturale che in questo modo si ottiene.

E’ importante però controllare che non evapori l’acqua messa nel bruciatore e la fonte di profumo (fiori ad esempio) deve sempre restare bagnata, questo per evitare la possibilità che siano odori spiacevoli o di bruciato durante la combustione.

Le piante migliori deputate allo scopo sono quelle che come la lavanda che hanno fiori molto odorosi ma che si possono far facilmente seccare.

Inoltre, anche le scorze degli agrumi o le bucce di mela potranno essere bruciate regalando profumi molto gradevoli.