Come arredare il proprio terrazzo



Disporre di uno spazio aperto, come ad esempio un terrazzo, nella propria casa è una grande fortuna: il terrazzo, infatti, offre un valore aggiunto all’immobile, ma sopratutto diventa una parte integrante dell’abitazione e quindi, come tale, deve essere arredato e vissuto. Soprattutto nelle stagioni calde il terrazzo può rappresentare una zona dove riposarsi e svolgere attività rilassanti: ad esempio su un terrazzo ben attrezzato si può mangiare, lavorare o, più semplicemente stare con gli amici. In tal senso le piante rappresentano un buona soluzione per creare uno spazio verde, fresco e, soprattutto, isolato dagli occhi indiscreti.

Se si dispone di uno spazio sufficiente sul terrazzo e, anche tenendo conto del peso massimo che questo può sopportare, è possibile arredarlo in diversi modi: è possibile infatti collocarvi ad esempio delle poltroncine, un tavolo con le sedie, sedie sdraio e ombrelloni ed eventualmente una pergotenda per creare spazi d’ombra. Se poi si dispone di grandissime metrature e buone disponibilità economiche è possibile anche installare  un’idromassaggio e, perché no, addirittura una piscina.

Un aspetto fondamentale da non trascurare nell’arredamento del terrazzo e la disposizione delle piante. La presenza di piante e fiori, infatti migliora notevolmente l’aspetto dell’ambiente e, al tempo stesso, offre un comodo riparo dal sole diretto nonché una barriera nei confronti di occhi estranei.

Naturalmente se il terrazzo è molto lungo e stretto le piante dovranno essere posizionate solo sulle estremità ed essere rivolte verso l’esterno. Nel caso di un terrazzo più ampio e, ad esempio, di forma quadrata è possibile anche immaginare una disposizione delle piante in più settori a seconda della diversa funzionalità.

Nel caso, inoltre, di un’immobile ubicato in grandi città (dove l’inquinamento è decisamente elevato) è consigliabile orientarsi su piante che restino di più allo smog come ad esempio: l’ibisco, l’agrifoglio oppure il lauroceraso. Per ottenere un po’ di privacy, invece, si dovranno scegliere piante dal fogliame molto fitto come ad esempio le rampicanti e le camelie.
Nel caso delle regioni settentrionali sono da preferire, tra i rampicanti, le rose e il gelsomino mentre nelle regioni più calde è consigliabile orientarsi sulla passiflora, il glicine e la bunganvillea. Ricordiamo infine che l’esposizione ottimale per un terrazzo nel quale coltivare le piante è sud-est; in questo modo la luce solare sarà presente anche nelle stagioni più fredde.