Autunno inverno riciclo e scelta indumenti



Alla sola idea di dover fare il cambio d’armadio rabbrividiamo. Rispolverare i vecchi maglioni, fare una scelta dei capi da tenere e quelli da buttare, iniziare a pensare ai golfini.

Per fortuna l’estate sta dando i suoi ultimi colpi e per voi pigrone il cambio può attendere ancora un pochino, al massimo, se proprio soffrite il freddo, aprite la scatola dove avete messo i maglioni in cotone ed iniziate a tirarne fuori alcuni.

Anche una sciarpa magari in tessuto, specialmente per la sera può tornarvi particolarmente utile, e già che avete la scatola aperta, anche una giacca a vento senza imbottitura può non essere affatto male messa a disposizione.

Ma il punto è: cosa salvare della stagione passata?

La cosa migliore è tenere quello che vi piace anche se la moda pare che voglia l’autunno inverno 2012/2013 davvero ricco di colore.

Nello scegliere i maglioni, che logicamente saranno qualcosa sul quale mantenere l’attenzione visto il costo, fate particolare attenzione nel controllarne le finiture e i così detti “pallini” ovvero quando la lana inizia a non essere più così bella e così liscia come appena acquistata.

Dividete quindi mentalmente per usi gli indumenti: quelli caldi da casa, capi da lavoro, capi da serata. In questo modo vi sarà più comodo capire cosa dover comprare immediatamente con l’arrivo della stagione fredda e aspettare i saldi invece per qualche sfizioso capo d’abbigliamento non strettamente necessario.

Applicando questa divisione ad ogni indumento, riuscirete a focalizzarvi effettivamente anche su cosa scartare.

Se i capi sono ancora belli ma non li indossate più, valutate di riciclarli staccando da essi bottoni o parti decorative che possono trasformarsi in gioielli o in accessori, altrimenti l’alternativa resta donarli a chi è più sfortunato di voi.